Aria compressa nel settore chimico

La produzione di prodotti chimici di alta qualità comporta l'uso di sostanze tossiche, corrosive e mutevoli. L'aria compressa potrebbe quindi reagire con tali sostanze se è contaminata. Spesso, l'aria compressa viene anche a diretto contatto con il prodotto stesso nel processo e deve pertanto sottostare a condizioni molto severe e a un monitoraggio permanente. In questo campo è assolutamente necessaria un'aria compressa non lubrificata, secca e costante.

Nell'ambito dei processi di produzione chimici, è particolarmente rilevante la direttiva ATEX 2014/34/UE con le sue disposizioni europee per la protezione dalle esplosioni. Anche le applicazioni nel settore petrolchimico richiedono elevati standard di sicurezza, che sono riassunti nelle disposizioni tecniche dell'API.

Siamo in grado di assistervi con un approccio olistico al trattamento dell'aria compressa, al fine di raggiungere la massima sicurezza ed efficienza operativa del processo, evitando forti oscillazioni nel punto di rugiada in pressione e nella pressione differenziale.

Applicazioni nel settore chimico

Trasporto pneumatico

In numerose industrie vengono lavorate materie prime in polvere o granuli. L'aria compressa viene utilizzata come aria di trasporto per convogliare o dosare queste sostanze attraverso l'impianto di produzione. Nell'industria chimica, le sostanze chimiche sotto forma di materia prima e polvere vengono convogliate al punto di lavorazione successivo, come ad esempio in silos, impianti di dosaggio o produzione. In questo processo, l'aria compressa utilizzata deve avere un grado di essiccazione ben definito, in modo che la polvere e i granuli non si uniscano o formino agglomerati a causa dell'umidità residua.

Nei grandi impianti chimici, l'aria viene spesso fornita tramite tubazioni esterne. Qui occorre un punto di rugiada in pressione particolarmente basso in modo da evitare la condensa. Per portate d'aria elevate, si consiglia di prevedere una riserva negli impianti di essiccazione al fine di garantire un rifornimento costante.

 

Prodotti da noi consigliati:


METPOINT DPM misuratore di umidità  METPOINT OCV monitoraggio olio residuoDRYPOINT AC essiccatori ad adsorbimento

Lavorazione polveri

Nei processi chimici vengono fabbricati svariati prodotti, ivi inclusi le polveri di cemento, la plastica e la gomma, gli adesivi, i prodotti farmaceutici, i detergenti e i cosmetici. Questi prodotti vengono ottenuti da materie prime naturali (ad es. grassi e oli) o sintetiche (ad es. etilene, stirolo, cloruro di vinile). Durante la produzione, l'aria compressa contribuisce all'ulteriore processo di frantumazione, atomizzazione, miscelazione o omogeneizzazione di queste materie. L'aria compressa deve avere, a seconda della sua classe di purezza definita in base all'applicazione, un grado di essiccazione specifico, in modo che la polvere e i granuli non si uniscano o accumulino a causa dell'umidità residua.

Quando si verifica il contatto diretto con il prodotto, ad es. nell'atomizzazione del detersivo e nel successivo utilizzo come additivo per pastiglie per lavastoviglie, l'aria compressa deve essere assolutamente non lubrificata. Per garantire l'affidabilità del processo, sono essenziali sia il monitoraggio permanente che la documentazione completa della qualità dell'aria impiegata.

 

Prodotti da noi consigliati:


METPOINT DPM misuratore umidità essiccatori ad adsorbimento sistemi catalitici adsorbitori a carbone attivo

Area a rischio

L'aria compressa può essere utilizzata per la misurazione, il comando e la regolazione negli impianti chimici, anche in atmosfere potenzialmente esplosive (aree a rischio di esplosione) perché, diversamente dall'elettricità, essa non genera scintille. L'aria compressa rappresenta una fonte di energia sicura ed è quindi esplicitamente approvata per l'uso in aree a rischio di esplosione.

Per le piattaforme petrolifere e lo stoccaggio di gas naturale e petrolio, spesso sono necessarie ingenti quantità di aria compressa e vigono severe norme di sicurezza. Inoltre, l'aria è esposta a temperature ambientali estreme. Poiché i dispositivi di controllo e regolazione sono spesso collocati all'esterno, è necessario assicurarsi che siano protetti, ad esempio, dalla condensa o dal congelamento.

 

Prodotti da noi consigliati:


BEKOMAT con ATEX

Trattamento dell’aria compressa presso Chempark di Uerdingen

BEKO TECHNOLOGIES ha realizzato un importante progetto per un essiccatore ad adsorbimento che utilizza il calore del processo di compressione per la rigenerazione. 


Vai all'application report...

 

Altri settori